Curcuma (Curcuma Longa)

Curcuma longa o zafferano delle indie o Turmeric è unapianta erbacea, perenne, rizomatosa della famiglia delle Zingiberaceae (una delle molte specie del genere Curcuma) originaria dell’Asia e adattata alle zone sterili.
Le piante vengono raccolte annualmente per i loro rizomi che, in parte, vengono ripiantati nell’anno successivo.
È chiamata anche turmeric, oppure kunyit o haldi in alcune regioni asiatiche.
Il suo ingrediente attivo è la curcumina che ha un sapore terroso, amaro, piccante ed estremamente volatile, mentre il colore si conserva nel tempo.
Altri componenti della curcuma sono rappresentati da potassio, da vitamina C, e per il 26% da amido. Molto importante anche la presenza di oli eterici che sono in grado di stimolare l’appetito e quelli amari che sono in grado di stimolare la formazione di enzimi digestivi.
La curcuma viene impiegata nella medicina tradizionale indiana ed in quella cinese ed è molto conosciuta in tutti i paesi dell’Oceano Indiano come disintossicante dell’organismo, in particolare del fegato e come antinfiammatorio. Queste proprietà salutari che vengono attribuite alla curcuma dalla tradizione popolare sono le stesse che oggi vengono confermate dalla medicina ufficiale, anche alla luce dei numerosissimi studi e scoperte che la scienza attuale ha ufficialmente confermato.
Molto valida anche l’azione cicatrizzante della curcumina; in India infatti viene applicato il rizoma di curcuma per curare ferite, scottature, punture d’insetti e malattie della pelle con risultati veramente soddisfacenti.
In base a recenti studi è risultato che la curcumina potrebbe essere utile a contrastare l’insorgere di gravi patologie.
Nel 1996 la curcuma è stata oggetto di un tentativo di “biopirateria”: due ricercatori indiani presso un’università statunitense, dopo aver “sviluppato” un farmaco il cui principio attivo era proprio la gialla spezia, ne hanno chiesto e ottenuto il brevetto. L’azione legale intrapresa dal Consiglio Indiano per la Ricerca Scientifica, ha però portato l’Ufficio Brevetti degli Stati Uniti ad ammettere che le qualità officinali della curcuma sono una scoperta indiana e quindi non brevettabili, decretando così la revoca del brevetto.

Indicazioni principali: malattie infiammatorie del grosso intestino, epatopatie di lieve e media entità, sindrome del colon irritabile.
Azione prevalente: anti-infiammatoria e blandamente spasmolitica a livello del fegato, delle vie biliare e intestinale.
Altre azioni: epatoprotettiva.
Effetti collaterali: nessuno noto.
Controindicazioni: nessuna conosciuta.
Interazioni con farmaci: non note.

About SDS

food consultant per il settore ingredienti e aromi e blender - appassionata di spezie. Si è formata in India per la parte storico sensoriale e di utilizzo e in Italia per la parte normativa. Collabora con diverse aziende sia come consulente, che come broker e commerciale- autrice di “mille e una spezia per la cucina e la salute” e “la cucina con erbe fiori e tè “ editi da L’età dell’acquario, Torino
This entry was posted in Spezie and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Curcuma (Curcuma Longa)

  1. giovanna says:

    cosa ne dite del latte d’oro preparato con la curcuma?

    • SDS says:

      una ricetta con la curcuma molto, molto interessante, soprattutto se con latte vegetale. Grazie Giovanna per la segnalazione, da inserire certamente fra le ricette del blog !

  2. MARILù says:

    la curcuma può essere assunta quotidianamente per rinforzare il sestema immunitario? e in che quantità?

    • SDS says:

      effettivamente nuovi studi sulla curcumina (la principale sostanza contenuta nella curcuma) hanno confermato scientificamente l’effetto immunoprotettivo, peraltro già noto da tempo su base statistica considerando l’incidenza di certe malattie sui consumatori abituali. Il consumo dovrebbe essere quotidiano, ad es. 1 cucchiaino su verdure bollite, riso, carni bianche, pasta.
      Se non gradita sul cibo, si può sciogliere mezzo cucchiaino in un bicchiere di acqua tiepida…ma è più buona sui piatti.
      Altrimenti perchè non provare con il latte d’oro, che sembra davvero essere un’ottima soluzione per chi ha poco tempo ai fornelli !

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>